Portale Trasparenza Comune di Pomigliano D'Arco - Regolamento Comunale per l'Espletamento delle Attività di Autorizzazione dei Progetti ai fini della Prevenzione del Rischio Sismico, nonchè connesse attività di vigilanza

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Regolamenti

Regolamento Comunale per l'Espletamento delle Attività di Autorizzazione dei Progetti ai fini della Prevenzione del Rischio Sismico, nonchè connesse attività di vigilanza
Numero: 0
Protocollo: 0

Come è noto, in materia di riduzione del rischio sismico, negli ultimi anni, è stata registrata una serie di mutamenti legislativi sia a livello nazionale che regionale. Si riportano, di seguito, i più significativi:

• Entrata in vigore del Decreto Ministeriale 14/01/2008: Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni (G.U. n. 29 del 04/02/2008 - Suppl. Ordinario n. 30);
• Entrata in vigore della Circolare Ministeriale n. 617 del 02/09/2009: Istruzioni per l’Applicazione delle Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni (G.U. n. 47 del 26/02/2009 - Suppl. Ordinario n. 27);
• Numerose modifiche al D.P.R. 380/01 e ss.mm.ii.: Testo Unico per l’Edilizia;
• Modifiche alla L.R. n. 9 del 07/01/1983: Norme per l' esercizio delle funzioni regionali in materia di difesa del territorio dal rischio sismico;
• Regolamento Regionale n. 4 del 11/02/2010: Regolamento per l'espletamento delle attività di autorizzazione e di deposito dei progetti, ai fini della prevenzione del rischio sismico in Campania e ss.mm.ii.;
• Entrata in vigore della L.R. n. 19 del 28/12/2009: Misure urgenti per il rilancio economico, per la riqualificazione del patrimonio esistente, per la prevenzione del rischio sismico e per la semplificazione amministrativa;
• Deliberazione di Giunta Regionale n. 1897 del 22 dicembre 2009 - Determinazione del contributo per l'istruttoria e la conservazione dei progetti da denunciare in zona sismica.
• Deliberazione di Giunta Regionale n. 316 del 28 giugno 2012 - Nuove modalità operative per la corresponsione e rideterminazione del contributo dovuto per l'istruttoria e la conservazione dei progetti da denunciare in zona sismica.

Recentemente è entrato in vigore l’art. 33 della legge regionale 27 gennaio 2012, n. 1, recante “Modifiche alla legge regionale n. 9/1983” che ha introdotto la possibilità di: Trasferimento delle funzioni per la prevenzione del rischio sismico ai comuni, alle unioni dei comuni o ai comuni in forma associata.

La Regione Campania ha, successivamente, approvato le linee guida per l’attuazione dell’art. 4 bis della legge regionale 7 gennaio 1983, n. 9 con la deliberazione di G. R. n. 161 del 04/04/2012 ad oggetto: “Disposizioni per l’attuazione dell’art. 33 della legge regionale 27 gennaio 2012, n. 1 – Art. 4-bis della legge regionale 7 gennaio 1983, n. 9 - Trasferimento delle funzioni per la prevenzione del rischio sismico ai comuni, alle unioni dei comuni o ai comuni in forma associata”.

Il Comune di Pomigliano d’Arco, con la deliberazione di G.C. n. 62 del 26/04/2012, ha autorizzato il Sindaco p.t ad inoltrare al Settore Provinciale del Genio Civile di Napoli la richiesta di trasferimento delle funzioni di cui all’art. 4 bis della L.R. 9/83 e ss.mm.ii..

Con deliberazione di Giunta Regionale n. 317 del 28/06/2012, è stato sancito il trasferimento delle attività e delle funzioni di competenza del Settore provinciale del Genio Civile, di cui all’art. 4- bis della L.R. 7 gennaio 1983, n. 9, introdotto dall’art. 33 della L.R. 27 gennaio 2012, n. 1, ai Comuni che ne avevano fatto richiesta, incluso il Comune di Pomigliano d’Arco.
Ad esito, dunque, di tale percorso di riforma e consapevoli della complessità e delicatezza della materia, per obbligo imposto a questo Ente dalla D.G.R. n. 161 del 04/04/2012 , punti 9 e 10 e come ribadito dal D.G.R. n. 317 del 28/06/2012, punto 6, è indispensabile adottare uno specifico Regolamento Comunale anche per fornire ai cittadini, ai professionisti e agli operatori del settore le indicazioni utili a rendere più agevole e sicura l’applicazione delle norme.

Il regolamento, da considerare come una sorta di vademecum, si propone anche l’obiettivo di costituire uno strumento di raccordo delle norme sopra citate, soffermandosi in particolare:

• sulla normativa da applicare ai procedimenti in corso, con riferimento anche alle ipotesi di varianti in corso d’opera (sostanziali e non sostanziali);
• sul rapporto tra il procedimento edilizio e quello sismico, anche alla luce delle recenti modifiche apportate all’art. 6 del D.P.R n. 380/01 in materia di attività edilizia libera;
• sul procedimento di autorizzazione sismica, delineando tutti i diversi passaggi di tale procedimento e i diversi momenti di interlocuzione tra la Struttura tecnica e il progettista.

Ogni richiesta di chiarimento ed ogni questione interpretativa, sia di carattere giuridico che di carattere tecnico, relativamente alla normativa antisismica e ai procedimenti di vigilanza sui lavori e opere, va inoltrata agli indirizzi mail di seguito indicati:

Mail: stefano.sasso@comune.pomiglianodarco.gov.it

Mail: commissione.rischiosismico@comune.pomiglianodarco.gov.it

Contenuto inserito il 30-08-2013 aggiornato al 30-08-2013
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Piazza Municipio 1 - 80038 Pomigliano D'Arco (NA)
PEC comune.pomiglianodarco@legalmail.it
Centralino +39.081.5217111
P. IVA 00307600635
Seguici su:
Linee guida di design per i servizi web della PA
Il progetto Portale della trasparenza è sviluppato con ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it